Agricoltura e tutela della biodiversità

L’AGRO-BIODIVERSITÀ A CONVEGNO

Agrinatura affronta un tema di stringente attualità internazionale da cui dipende il futuro dell’agricoltura e dell’intero Pianeta; la difesa della diversità biologica.

Convegno in memoria di Massimo Spreafico durante il quale verranno presentati i risultati del progetto
APE AMBIENTE AGRICOLTURA, avviato in occasione di Agrinatura 2018 e a lui dedicato.

SCOPRI DI PIÙ

agro-biodiversita

L’aggressione da parte dell’uomo alle risorse naturali, a partire dalla biodiversità, sta minacciando ormai la sua stessa sopravvivenza. Nel 2005 l’ONU denunciava che il 60% dei servizi eco-sistemici del pianeta erano stati degradati e che il tasso di estinzione delle specie era di circa 100/1000 volte superiore al
tasso naturale. (Millennium Ecosystem Assessment, 2005).

Nel 2018 il WWF stima una perdita del 60% delle popolazioni dei vertebrati e che il 75% della superficie terrestre abbia ormai perso le sue condizioni di naturalità: la perdita del 75% delle piante ed animali estintesi negli ultimi 500 anni, sarebbe da imputare all’agricoltura (WWF – “Living Planet Report 2018”).

agro-biodiversita

Agricoltura e biodiversità sono 2 temi profondamente legati.
Da una parte lo sfruttamento intensivo, il ricorso massiccio ai fitofarmaci, che, dalla seconda metà del secolo scorso, caratterizzano l’agricoltura, sono una delle cause principali della perdita di biodiversità, non solo di quella agricola, ma a livello planetario. D’altro lato, proprio la agro-biodiversità, intesa come la ricchezza di varietà, razze, forme di vita e genotipi, di habitat, di elementi strutturali (siepi, stagni, rocce, ecc.) e di colture agrarie diversificate, è una condizione fondamentale perché l’agricoltura stessa possa sopravvivere.

agro-biodiversita

La FAO a fine febbraio 2019, lancia un allarme che non è più possibile ignorare: “La biodiversità, alla base dei nostri sistemi alimentari e della nostra sopravvivenza, sta scomparendo, non solo quella coltivata o allevata, ma anche quella associata, di piante, animali e microrganismi che mantengono i terreni fertili, impollinano le piante, purificano acqua e aria, contribuendo al buono stato di salute degli ecosistemi. E una volta perduta tanta ricchezza alimentare, non potrà essere recuperata”.

agro-biodiversita

In questo scenario si inserisce il Convegno AGRICOLTURA E TUTELA DELL’AGROBIODIVERSITA’, nell’ambito di Agrinatura 2019, con l’intento di contribuire allo studio e alla promozione di forme di agricoltura che mirino a ricostruire gli agro-ecosistemi e la loro biodiversità: una priorità che, da tempo, è ai primi posti nell’agenda politica mondiale e sta toccando la coscienza di molti cittadini/consumatori.

Il Convegno vedrà la partecipazione di accademici e ricercatori, quali la prof.ssa Ilda Vagge del Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali – Produzione, Territorio, Agroenergia dell’Università degli Studi di Milano e del prof. Fabio Taffetani, Ordinario di Botanica applicata della Università Politecnica delle Marche, che offriranno il loro contributo scientifico sui temi della biodiversità degli ecosistemi.
Non mancheranno testimonianze di aziende agricole sulle loro esperienze con sistemi di agricoltura sostenibili ed i relativi risultati raggiunti in termini di ricostruzione dell’ambiente.

agro-biodiversita

In particolare, durante il Convegno, verrà presentato un originale progetto promosso dall’Associazione di Produttori Agricoli “Polyculturae”, ente senza scopo di lucro che ha il fine di promuovere tra gli agricoltori, ma anche nella popolazione, lo studio, la diffusione e l’attuazione pratica del recupero, del rispetto e della tutela della Biodiversità in generale e, in particolare, degli Agro-Ecosistemi

Il progetto, unico nel suo genere, prevede la istituzione di un Marchio collettivo denominato “Biodiversitas”, certificazione di sistema basata su un controllo indipendente e rigoroso, che si propone di identificare, valorizzare e garantire le aziende caratterizzate da un ambiente più naturale e da attività di recupero e conservazione dell’agro-biodiversità. Si tratta in effetti di un progetto innovativo, ad elevato contenuto ecologico e culturale, condotto con estremo rigore scientifico, capace di promuovere, inoltre, il contesto ricco di agro-biodiversità della aziende agricole sostenibili lombarde ed italiane.

PROGRAMMA DEL CONVEGNO

Coltivare la Biodiversità – Le radici del futuro
Prof. Fabio Taffetani
Dipartimento di Scienze Agrarie Alimentari e Ambientali
Università Politecnica delle Marche

Valutazione dell’agro-biodiversità: gli studi floristico-vegetazionali
Prof. ssa Ilda Vagge
Dipartimento di Scienze Agrarie ed Ambientali
Università degli Studi di Milano

Biodiversità, una ricchezza per la natura e per l’uomo. Facelia (Phacelia tanacetifolia) un caso emblematico
Prof. Mario Colombo
Prof.ssa Daniela Lupi
DeFENS – Università degli Studi di Milano

Valutare l’impatto dei fitosanitari sulla biodiversità e le buone pratiche per un’agricoltura di alto valore naturale: esempi in vigneti e risaia
Dott. Enrico Rivella
Struttura Ambiente e Natura – ARPA Piemonte

I progetti Polyculturae e Biodiversitas
Dott. Mattia Eusebio Pastore
Presidente dell’Associazione di Produttori Agricoli Polyculturae

Esperienze positive nella risicoltura naturale
Ing. Manuele Mussa
Azienda agricola Una Garlanda

Moderatore
Giovanni Bargnesi
Direttore Generale Associazione di Produttori Agricoli Polyculturae

Visita Agrinatura

Scopri come visitare Agrinatura